MES (come concordato dall'Eurogruppo il 14 giugno 2019)

PROGETTO di testo riveduto del trattato che istituisce il meccanismo europeo di stabilità come concordato dall'Eurogruppo il 14 giugno 2019

TRATTATO CHE ISTITUISCE IL MECCANISMO EUROPEO DI STABILITÀ TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA, LA REPUBBLICA DI ESTONIA, IRLANDA, LA REPUBBLICA ELLENICA, IL REGNO DI SPAGNA, LA REPUBBLICA FRANCESE, LA REPUBBLICA ITALIANA, LA REPUBBLICA DI CIPRO, LA REPUBBLICA DI LETTONIA, LA REPUBBLICA DI LITUANIA, IL GRANDUCATO DI LUSSEMBURGO, MALTA, IL REGNO DEI PAESI BASSI, LA REPUBBLICA DI AUSTRIA, LA REPUBBLICA PORTOGHESE, LA REPUBBLICA DI SLOVENIA, LA REPUBBLICA SLOVACCA E LA REPUBBLICA DI FINLANDIA

LE PARTI CONTRAENTI, il Regno del Belgio, la Repubblica federale di Germania, la Repubblica di Estonia, l'Irlanda, la Repubblica ellenica, il Regno di Spagna, la Repubblica francese, la Repubblica italiana, la Repubblica di Cipro, la Repubblica di Lettonia, il Repubblica di Lituania, Granducato di Lussemburgo, Malta, Regno dei Paesi Bassi, Repubblica d'Austria, Repubblica portoghese, Repubblica di Slovenia, Repubblica slovacca e Repubblica di Finlandia (gli "Stati membri dell'area dell'euro" o " Membri ESM ");

IMPEGNATO A garantire la stabilità finanziaria dell'area dell'euro;

RAMMENTANDO le conclusioni del Consiglio europeo adottate il 25 marzo 2011 sull'istituzione di un meccanismo europeo di stabilità;

MENTRE:

(1) Il 17 dicembre 2010 il Consiglio europeo ha convenuto la necessità che gli Stati membri dell'area dell'euro istituiscano un meccanismo di stabilità permanente. Questo meccanismo europeo di stabilità ("MES") assumerà i compiti attualmente svolti dallo strumento europeo di stabilità finanziaria ("EFSF") e dal meccanismo europeo di stabilizzazione finanziaria ("MESF") nel fornire, ove necessario, assistenza finanziaria agli Stati membri dell'area dell’euro.
(2) Il 25 marzo 2011 il Consiglio europeo ha adottato la decisione 2011/199 / UE che modifica l'articolo 136 del trattato sul funzionamento dell'Unione europea ("TFUE") per quanto riguarda un meccanismo di stabilità per gli Stati membri la cui moneta è l'euro1 aggiungendo il seguente paragrafo all'articolo 136: "Gli Stati membri la cui moneta è l'euro possono istituire un meccanismo di stabilità da attivare se indispensabile per salvaguardare la stabilità dell'area dell'euro nel suo insieme. La concessione di qualsiasi assistenza finanziaria richiesta nell'ambito del meccanismo sarà essere soggetto a rigorose condizioni ".
(3) Al fine di aumentare l'efficacia dell'assistenza finanziaria e prevenire il rischio di contagio finanziario, i capi di Stato o di governo degli Stati membri la cui moneta è l'euro hanno concordato il 21 luglio 2011 di "aumentare [la] flessibilità [del MES] collegato all'opportuna condizionalità ".
(4) Il rigoroso rispetto del quadro giuridico dell'Unione europea, il quadro integrato per la sorveglianza fiscale e macroeconomica, in particolare il patto di stabilità e crescita, il quadro degli squilibri macroeconomici e le regole di governance economica dell'Unione europea, dovrebbero rimanere la prima linea di difesa contro le crisi di fiducia che incidono sulla stabilità dell'area dell'euro.
(5) Il 9 dicembre 2011 i capi di Stato o di governo degli Stati membri la cui moneta è l'euro hanno convenuto di spostarsi verso un'unione economica più forte, compreso un nuovo patto fiscale e un rafforzamento del coordinamento delle politiche economiche da attuare mediante un accordo internazionale, il trattato su stabilità, coordinamento e governance nell'Unione economica e monetaria ("TSCG"). Il TSCG contribuirà a sviluppare un più stretto coordinamento all'interno dell'area dell'euro al fine di garantire una gestione duratura, solida e resistente delle finanze pubbliche e quindi affrontare una delle principali fonti di instabilità finanziaria. Il presente trattato e il TSCG sono complementari nel promuovere la responsabilità fiscale e la solidarietà all'interno dell'Unione economica e monetaria. È riconosciuto e concordato che la concessione di assistenza finanziaria nel quadro di nuovi programmi nell'ambito del MES sarà subordinata, a decorrere dal 1 ° marzo 2013, alla ratifica del TSCG da parte del membro ESM interessato e, alla scadenza del periodo di recepimento di cui all'articolo 3, paragrafo 2, del TSCG sulla conformità ai requisiti di tale articolo.
(5A) Al vertice euro del 29 giugno 2018 in forma allargata, i capi di Stato o di governo degli Stati membri la cui moneta è l'euro hanno dichiarato che il MES fornirà il sostegno comune al Fondo di risoluzione unico ("SRF") e essere rafforzato sulla base degli elementi indicati nella lettera del presidente dell'Eurogruppo del 25 giugno 2018. Al vertice euro del 14 dicembre 2018 in forma allargata, i capi di Stato o di governo degli Stati membri la cui moneta è l'euro ha approvato il mandato di detto sostegno comune che dovrà essere fornito dal MES, nonché un foglio di termine sulla riforma del MES. Il term sheet sulla riforma del MES prevede che entro la fine del periodo transitorio sarà istituito il sostegno comune all'SRF. L'accordo preliminare sulla riforma del MES prevede inoltre che l'efficacia degli strumenti precauzionali di assistenza finanziaria sarà rafforzata per i membri del MES con solide basi economiche, che potrebbero essere colpite da uno shock avverso al di fuori del loro controllo. In linea con la posizione comune sulla futura cooperazione tra la Commissione europea e il MES, allegata alla scheda sulla riforma del MES in merito alla valutazione di ammissibilità riguardo la linea di credito precauzionale, a seconda della portata precisa dei criteri di ammissibilità, la Commissione europea e il MES assumeranno i rispettivi ruoli in linea con il diritto dell'UE, il trattato MES e le linee guida del MES. Il term sheet sulla riforma del MES prevede inoltre che verrà applicato un margine aggiuntivo nel caso in cui un membro del MES a cui è stata concessa l'assistenza finanziaria precauzionale del MES non rispetti la condizionalità ad esso allegata dopo aver prelevato fondi, a meno che tale non conformità sia a causa di eventi al di fuori del controllo del governo. La scheda sulla riforma del MES evidenzia inoltre che la condizionalità rimane un principio alla base del trattato MES e di tutti gli strumenti del MES, ma i termini esatti devono essere adattati a ciascuno strumento.
(5B) La posizione comune sulla futura cooperazione tra il MES e la Commissione europea stabilisce l'accordo sulle nuove modalità di cooperazione all'interno e all'esterno dei programmi di assistenza finanziaria. La Commissione europea e il MES condividono obiettivi comuni ed eserciteranno compiti specifici relativi alla gestione delle crisi per l'area dell'euro sulla base del diritto dell'Unione europea e del trattato MES. Pertanto, le due istituzioni lavoreranno a stretto contatto insieme sulle misure di gestione delle crisi del MES con una governance efficiente nel perseguimento della stabilità finanziaria integrando le competenze. La Commissione europea garantisce la coerenza con il diritto dell'Unione europea, in particolare con il quadro di coordinamento delle politiche economiche. L'ESM esegue le sue analisi e valutazioni dal punto di vista di un finanziatore. La posizione comune sulla futura cooperazione sarà pienamente integrata in un memorandum di cooperazione, come previsto dall'articolo 13, paragrafo 8, quando entreranno in vigore le modifiche al presente trattato.
(6) Vista la forte interrelazione all'interno dell'area dell'euro, gravi rischi per la stabilità finanziaria degli Stati membri la cui moneta è l'euro possono mettere a rischio la stabilità finanziaria dell'area dell'euro nel suo insieme. Il MES può pertanto fornire sostegno alla stabilità sulla base di una rigorosa condizionalità, adeguata allo strumento di assistenza finanziaria scelto se indispensabile per salvaguardare la stabilità finanziaria dell'area dell'euro nel suo insieme e dei suoi Stati membri. Il volume massimo iniziale di prestiti del MES è fissato a 500 000 milioni di EUR, compreso l'eccezionale sostegno alla stabilità dell'EFSF. L'adeguatezza del volume massimo dei prestiti consolidati del MES e dell'EFSF sarà tuttavia riesaminata prima dell'entrata in vigore del presente trattato. Se del caso, sarà ampliato dal consiglio dei governatori del MES, conformemente all'articolo 10, all'entrata in vigore del presente trattato.
(7) Tutti gli Stati membri dell'area dell'euro diventeranno membri del MES. Come conseguenza dell'adesione all’area dell'euro, uno Stato membro dell'Unione europea dovrebbe diventare membro del MES con tutti i diritti e gli obblighi, in linea con quelli delle parti contraenti. I membri del MES riconoscono l'attuale dialogo tra l'amministratore delegato e il Parlamento europeo.
(8) Il MES coopererà strettamente con il Fondo monetario internazionale ("FMI") nel fornire sostegno alla stabilità. Si cercherà la partecipazione attiva dell'FMI, sia a livello tecnico che finanziario. Uno Stato membro dell'area dell'euro che richiede assistenza finanziaria al MES dovrebbe rispondere, se del caso, a una richiesta analoga all'FMI.
(9) Gli Stati membri dell'Unione europea la cui moneta non è l'euro ("Stati membri non appartenenti all'area dell'euro") che partecipano su base ad hoc a fianco del MES a un'operazione di sostegno alla stabilità per gli Stati membri dell'area dell'euro saranno invitati a partecipare, in quanto osservatori, nelle riunioni del MES in cui saranno discussi questo sostegno alla stabilità e il suo monitoraggio. Avranno accesso a tutte le informazioni in modo tempestivo e saranno adeguatamente consultati.
(9A) Stati membri dell'Unione europea la cui moneta non è l'euro e che hanno instaurato una stretta cooperazione con la Banca centrale europea ("BCE") conformemente al regolamento (UE) n. 1024/2013 del Consiglio, del 15 ottobre 2013, che conferisce compiti specifici della Banca centrale europea riguardanti le politiche relative alla vigilanza prudenziale degli enti creditizi ("regolamento sull'MVU") dovrebbero fornire linee di credito parallele all'SRF insieme all'ESM. Parteciperanno al backstop comune a condizioni equivalenti. I rappresentanti di tali Stati membri ("Stati membri partecipanti") saranno invitati a partecipare alle riunioni del consiglio dei governatori e del consiglio di amministrazione in qualità di osservatori in cui verranno discusse questioni relative al sostegno comune e dovrebbero avere lo stesso accesso alle informazioni. Dovrebbero essere stabilite disposizioni appropriate per la condivisione delle informazioni e il coordinamento tempestivo tra il MES e gli Stati membri partecipanti. I rappresentanti del Comitato di risoluzione unico ("SRB") possono essere invitati come osservatori su base ad hoc per partecipare alle riunioni del Consiglio dei governatori e del Consiglio di amministrazione in cui saranno discussi i finanziamenti di sostegno.
(10) Il 20 giugno 2011, i rappresentanti dei governi degli Stati membri dell'Unione Europea hanno autorizzato le parti contraenti del presente trattato a chiedere alla Commissione europea e alla BCE di svolgere i compiti previsti dal presente trattato. È riconosce che i doveri conferiti nell'ambito del presente trattato alla Commissione europea e alla BCE non comportano alcun potere decisionale proprio e che i compiti svolti da queste due istituzioni sulla base del presente trattato impegnano esclusivamente il MES.
(11) Nella sua dichiarazione del 28 novembre 2010, l'Eurogruppo ha dichiarato che clausole di azione collettiva standardizzate e identiche ("CAC") saranno incluse, in modo da preservare la liquidità del mercato, nei termini e condizioni di tutti i nuovi euro titoli di stato dell'area. Come richiesto dal Consiglio europeo il 25 marzo 2011, il Comitato economico e finanziario ha messo a punto le disposizioni giuridiche dettagliate per l'inclusione dei CAC nei titoli di Stato dell'area dell'euro. In seguito all'introduzione di questi CAC a partire dal 1 ° gennaio 2013, i membri del MES si impegnano a introdurre CAC che prevedono votazioni aggregate per arto singolo ("CAC per arto unico") entro il 2022. Le modalità giuridiche dettagliate saranno concordate nell'ambito del Comitato economico e finanziario, prendendo tenere conto dei requisiti costituzionali nazionali, in modo tale che tutti i membri del MES saranno implementati in CAC a singolo arto in nuovi titoli di Stato dell'area dell'euro in modo da garantire che il loro impatto giuridico sia identico.
(12) Su richiesta di un membro del MES e, se del caso, il MES può facilitare il dialogo tra tale membro del MES e i suoi investitori privati ​​su base volontaria, informale, non vincolante, temporanea e riservata.
(12A) Il MES dovrebbe fornire sostegno alla stabilità solo ai membri del MES il cui debito è considerato sostenibile e la cui capacità di rimborso nei confronti del MES è confermata. La valutazione della sostenibilità del debito e della capacità di rimborso sarà effettuata su una base trasparente e prevedibile, consentendo nel contempo un margine di giudizio sufficiente. Tali valutazioni saranno effettuate dalla Commissione europea di concerto con la BCE, il MES e, ove opportuno e possibile, insieme al FMI in linea con il presente trattato, il diritto dell'Unione europea e il memorandum di cooperazione stipulato a norma dell'articolo 13 (8). Nel caso in cui la collaborazione non fornisca una visione comune, la Commissione europea effettuerà la valutazione generale della sostenibilità del debito pubblico, mentre il MES valuterà la capacità del membro ESM interessato di rimborsare il MES.
(12B) In casi eccezionali, si considera una forma adeguata e proporzionata di coinvolgimento del settore privato, conformemente alla prassi del FMI, nei casi in cui viene fornito un sostegno alla stabilità accompagnato da condizionalità sotto forma di un programma di aggiustamento macroeconomico.
(13) Come l'FMI, l'ESM fornirà sostegno alla stabilità a un membro dell'ESM quando il suo accesso regolare al finanziamento del mercato è compromesso o rischia di essere compromesso. In considerazione di ciò, i Capi di Stato o di governo hanno dichiarato che i prestiti ESM godranno dello status di creditore preferito in modo simile a quelli dell'FMI, accettando allo stesso tempo lo status di creditore preferito dell'FMI rispetto al MES. Questo status sarà efficace dalla data di entrata in vigore del presente Trattato. In caso di assistenza finanziaria del MES sotto forma di prestiti del MES a seguito di un programma di assistenza finanziaria europea esistente al momento della firma del presente trattato, il MES godrà della stessa anzianità di tutti gli altri prestiti e obbligazioni del membro ESM beneficiario, con l'eccezione dei prestiti del FMI. I prestiti di backstop all'SRB da parte dell'ESM godranno dello status di creditore preferito in modo simile agli altri prestiti ESM.
(14) Gli Stati membri dell'area dell'euro sosterranno lo status di creditore equivalente del MES e quello di altri Stati che prestano prestiti bilateralmente in coordinamento con il MES, anche in relazione a prestiti di sostegno all'SRB.
(15) Le condizioni di prestito del MES per gli Stati membri soggetti a un programma di aggiustamento macroeconomico, comprese quelle di cui all'articolo 40 del presente trattato, coprono i costi di finanziamento e operativi del MES e dovrebbero essere coerenti con le condizioni di prestito del meccanismo di assistenza finanziaria Accordi firmati tra l'EFSF, l'Irlanda e la Banca centrale d'Irlanda da un lato e l'EFSF, la Repubblica portoghese e il Banco de Portugal dall'altro.
(15 A) L'articolo 2, paragrafo 3, TFUE stabilisce che gli Stati membri dell'Unione europea coordinano le loro politiche economiche nell'ambito delle disposizioni stabilite dal TFUE. A norma dell'articolo 5, paragrafo 1, TFUE e 121 TFUE, gli Stati membri dell'Unione europea coordinano le loro politiche economiche in seno al Consiglio dell'Unione europea. Di conseguenza, il MES non dovrebbe servire allo scopo del coordinamento delle politiche economiche tra i membri del MES per i quali il diritto dell'Unione europea prevede le disposizioni necessarie. Il MES rispetta i poteri conferiti dal diritto dell'Unione europea alle istituzioni e agli organi dell'Unione.
(15B) I membri del MES riconoscono che un processo decisionale rapido ed efficiente nell'ambito della struttura di sostegno e il coordinamento con gli Stati membri partecipanti che partecipano insieme al MES nel finanziamento di sostegno per l'SRF è fondamentale per garantire l'efficacia del sostegno comune e delle risoluzioni finanziate con esso, poiché riflesso dai termini di riferimento del comune backstop approvato dai Capi di Stato o di governo degli Stati membri la cui moneta è l'euro al vertice euro del 14 dicembre 2018 in formato incluso. I termini di riferimento prevedono criteri per gli esborsi nell'ambito della struttura di sostegno, compresi, tra l'altro, i principi di ultima istanza e neutralità fiscale a medio termine, piena conformità al regolamento (UE) n. 806/2014 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 luglio 2014 che istituisce norme uniformi e una procedura uniforme per la risoluzione degli enti creditizi e di talune imprese di investimento nel quadro di un meccanismo di risoluzione unico e di un fondo di risoluzione unico e che modifica il regolamento (UE) n. 1093/2010 ("regolamento SRM") e con il Direttiva 2014/59 / UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 15 maggio 2014, che istituisce un quadro per il recupero e la risoluzione degli enti creditizi e delle imprese di investimento e che modifica la direttiva 82/891 / CEE del Consiglio e le direttive 2001/24 / CE, 2002/47 / CE, 2004/25 / CE, 2005/56 / CE, 2007/36 / CE, 2011/35 / UE, 2012/30 / UE e 2013/36 / UE e regolamenti (UE) n. 1093 / 2010 e (UE) n. 648/2012 ("BRRD") e permanenza del e quadro giuridico. I termini di riferimento prevedono anche una decisione dell'ESM sull'uso del backstop, di norma, entro 12 ore dalla richiesta dell'SRB estendibile dall'Amministratore Delegato a 24 ore in casi eccezionali, soprattutto nel caso di un operazione di risoluzione particolarmente complessa, nel rispetto dei requisiti costituzionali nazionali.
(16) L'indipendenza dell'amministratore delegato e del personale del MES è riconosciuta dal presente trattato. Dovrebbe essere esercitato in modo tale che, ove pertinente e come previsto dal presente trattato, la coerenza sia preservata dal diritto dell'Unione europea, la cui applicazione è controllata dalla Commissione europea.
(17) Le controversie relative all'interpretazione e all'applicazione del presente trattato che sorgono tra le parti contraenti o tra le parti contraenti e il MES dovrebbero essere sottoposte alla giurisdizione della Corte di giustizia dell'Unione europea, conformemente all'articolo 273 TFUE.
(18) L'ESM istituirà opportuni sistemi di allarme allo scopo di garantire che riceva i rimborsi dovuti nell'ambito del sostegno alla stabilità o della struttura di backstop in modo tempestivo. La sorveglianza post-programma sarà effettuata dalla Commissione europea di concerto con la BCE e dal Consiglio dell'Unione europea nel quadro stabilito a norma degli articoli 121 e 136 TFUE,

HANNO CONVENUTO QUANTO SEGUE:

 

CAPITOLO 1

APPARTENENZA E FINALITÀ

 

ARTICOLO 1

Istituzione e membri

1. Ai sensi del presente trattato, le Parti contraenti istituiscono tra loro un'istituzione finanziaria internazionale, che sarà denominata "meccanismo europeo di stabilità" ("MES").
2. Le parti contraenti sono membri del MES.


ARTICOLO 2

Nuovi membri

1. L'adesione al MES è aperta agli altri Stati membri dell'Unione europea a decorrere dall'entrata in vigore della decisione del Consiglio dell'Unione europea adottata ai sensi dell'articolo 140, paragrafo 2, TFUE di abrogare la deroga all'adozione l'euro.
2. I nuovi membri del MES sono ammessi agli stessi termini e condizioni degli attuali membri del MES, a norma dell'articolo 44.
3. Un nuovo membro che aderisce al MES dopo la sua costituzione riceve le quote del MES in cambio del suo contributo in conto capitale, calcolato secondo la base di contributo di cui all'articolo 11.


ARTICOLO 3

Finalità

1. Lo scopo del MES è di mobilitare i finanziamenti e fornire sostegno alla stabilità in condizioni rigorose, appropriate allo strumento di assistenza finanziaria scelto, a beneficio dei membri del MES che stanno vivendo o sono minacciati da gravi problemi di finanziamento, se indispensabile per salvaguardare la stabilità finanziaria dell'area dell'euro nel suo insieme e dei suoi Stati membri. Se del caso, al fine di preparare internamente e consentirgli di svolgere in modo adeguato e tempestivo i compiti che gli sono conferiti dal presente trattato, il MES può seguire e valutare la situazione macroeconomica e finanziaria dei suoi membri, compresa la sostenibilità del loro debito pubblico e analisi di informazioni e dati rilevanti. A tal fine, l'amministratore delegato collabora con la Commissione europea e la BCE per garantire la piena coerenza con il quadro per il coordinamento delle politiche economiche previsto dal TFUE.
2. L'ESM può fornire all'SRB la funzione di supporto per coadiuvare l'SRF al fine di supportare l'applicazione degli strumenti di risoluzione e l'esercizio dei poteri di risoluzione dell'SRB sanciti dal diritto dell'Unione europea.
3. A tal fine, il MES ha il diritto di raccogliere fondi emettendo strumenti finanziari o stipulando accordi o accordi finanziari o di altro tipo con membri del MES, istituzioni finanziarie o altri terzi.
4. Fatto salvo il paragrafo 1, la condizionalità applicata è adeguata allo strumento di assistenza finanziaria scelto, come previsto dal presente trattato.

 

CAPITOLO 2

AMMINISTRAZIONE

 

ARTICOLO 4

Struttura e regole di voto

1. Il MES è composto da un consiglio dei governatori e da un consiglio di amministrazione, nonché da un amministratore delegato e da altro personale dedicato che può essere ritenuto necessario.
2. Le decisioni del consiglio dei governatori e del consiglio direttivo sono prese di comune accordo, maggioranza qualificata o maggioranza semplice come specificato nel presente trattato. Per tutte le decisioni, deve essere presente un quorum di 2/3 dei membri con diritto di voto che rappresentano almeno i 2/3 dei diritti di voto.
3. L'adozione di una decisione di comune accordo richiede l'unanimità dei membri che partecipano alla votazione. Le astensioni non impediscono l'adozione di una decisione di comune accordo.
4. In deroga al paragrafo 3, si utilizza una procedura di voto di emergenza qualora la Commissione europea e la BCE concludano entrambe che la mancata adozione urgente di una decisione di concessione o attuazione di assistenza finanziaria, come definita dagli articoli da 13 a 18, minaccerebbe la sostenibilità economica e finanziaria dell'area dell'euro. L'adozione di una decisione di comune accordo da parte del consiglio dei governatori di cui all'articolo 5, paragrafo 6, lettere f) e g), e del consiglio di amministrazione nell'ambito di tale procedura di emergenza richiede una maggioranza qualificata dell'85% dei voti espressi.
Laddove viene utilizzata la procedura di emergenza di cui al primo comma, viene effettuato un trasferimento dal fondo di riserva e / o dal capitale versato a un fondo di riserva di emergenza al fine di costituire una riserva dedicata a copertura dei rischi derivanti dal sostegno finanziario concesso nell'ambito di tale procedura di emergenza. Il consiglio dei governatori può decidere di cancellare il fondo di riserva di emergenza e di trasferirne il contenuto nel fondo di riserva e / o nel capitale versato.

5. L'adozione di una decisione a maggioranza qualificata richiede l'80% dei voti espressi.
6. L'adozione di una decisione a maggioranza semplice richiede la maggioranza dei voti espressi.
7. I diritti di voto di ciascun Membro del MES, esercitati dal suo incaricato o dal rappresentante di quest'ultimo nel Consiglio dei governatori o nel Consiglio di amministrazione, sono pari al numero di azioni assegnategli nel capitale sociale autorizzato del MES come di cui all'allegato II.
8. Se un Membro ESM non paga alcuna parte dell'importo dovuto in relazione ai suoi obblighi in relazione a azioni versate o richieste di capitale ai sensi degli articoli 8, 9 e 10 o in relazione al rimborso dell'assistenza finanziaria ai sensi A norma dell'articolo 16 o 17, tale membro del MES non è in grado, per tutto il tempo in cui persiste tale carenza, di esercitare i propri diritti di voto. Le soglie di voto sono ricalcolate di conseguenza.


ARTICOLO 5

Consiglio amministrativo

1. Ciascun membro del MES nomina un governatore e un governatore supplente. Tali nomine sono revocabili in qualsiasi momento. Il governatore è un membro del governo di quel membro ESM che ha la responsabilità delle finanze. Il Governatore supplente ha pieno potere di agire per conto del Governatore quando quest'ultimo non è presente.
2. Il consiglio dei governatori decide se essere presieduto dal presidente dell'Eurogruppo, come indicato nel protocollo (n. 14) sull'Eurogruppo allegato al trattato sull'Unione europea e al TFUE o se eleggere un presidente e un vicepresidente tra i suoi membri per un mandato di due anni. Il presidente e il vicepresidente possono essere rieletti. Una nuova elezione deve essere organizzata senza ritardi se l'incaricato non ha più la funzione necessaria per essere nominato Governatore.
3. Il membro della Commissione europea responsabile degli affari economici e monetari e il presidente della BCE, nonché il presidente dell'Eurogruppo (se non è il presidente o un governatore) possono partecipare alle riunioni del consiglio dei governatori come osservatori.
4. I rappresentanti degli Stati membri non appartenenti all'area dell'euro che partecipano su base ad hoc a fianco del MES a un'operazione di sostegno alla stabilità per uno Stato membro dell'area dell'euro sono inoltre invitati a partecipare, in qualità di osservatori, alle riunioni del consiglio dei governatori quando sarà discusso il sostegno alla stabilità e il suo monitoraggio. I rappresentanti degli Stati membri partecipanti che partecipano a fianco del MES ai finanziamenti di supporto per l'SRF sono inoltre invitati a partecipare, in qualità di osservatori, alle riunioni del consiglio dei governatori quando saranno discusse questioni relative al supporto comune.
5. Altre persone, compresi i rappresentanti di istituzioni o organizzazioni, come il FMI, possono essere invitate dal Consiglio dei governatori a partecipare alle riunioni in qualità di osservatori su una base ad hoc.
6. Il consiglio dei governatori prende le seguenti decisioni di comune accordo:
a) cancellare il fondo di riserva di emergenza e trasferire il suo contenuto al fondo di riserva e / o al capitale versato, conformemente all'articolo 4, paragrafo 4, per annullare la sospensione dell'applicazione dell'articolo 18 A, paragrafo 6, primo comma , per modificare la maggioranza di voto richiesta per l'adozione di una decisione relativa ai prestiti e ai relativi esborsi nell'ambito della struttura di sostegno ai sensi della procedura di voto di emergenza e stabilire le circostanze in cui si dovrà svolgere una revisione in futuro, conformemente all'articolo 18 A (6) ) terzo comma;
(b) emettere nuove azioni a condizioni diverse da quelle alla pari, in conformità dell'articolo 8, paragrafo 2;
(c) effettuare le chiamate in conto capitale, conformemente all'articolo 9, paragrafo 1;
(d) modificare lo stock di capitale autorizzato e adattare il volume massimo dei prestiti del MES, conformemente all'articolo 10, paragrafo 1;
e) tenere conto di un eventuale aggiornamento della base per la sottoscrizione del capitale della BCE, in conformità dell'articolo 11, paragrafo 3, e delle modifiche da apportare all'allegato I in conformità dell'articolo 11, paragrafo 6;
(f) fornire sostegno alla stabilità da parte del MES, compresa la condizionalità della politica economica come indicato nel protocollo d'intesa di cui all'articolo 13, paragrafo 3 o di cui all'articolo 14, paragrafo 2, per modificare i criteri di ammissibilità per le misure precauzionali finanziarie assistenza di cui all'allegato III conformemente all'articolo 14, paragrafo 1, e per stabilire la scelta degli strumenti e le condizioni finanziarie, conformemente agli articoli da 12 a 18;
(g) affidare i) all'amministratore delegato e ii) alla Commissione europea di concerto con la BCE, al fine di negoziare le condizioni di politica economica associate all'assistenza finanziaria, in conformità dell'articolo 13, paragrafo 3;

(g bis) di concedere una struttura di sostegno, conformemente all'articolo 18 A, paragrafo 1, primo comma, per modificare i criteri per l'approvazione dei prestiti e delle erogazioni nell'ambito della struttura di sostegno di cui all'allegato IV conformemente al secondo comma del Articolo 18 A, paragrafo 1, per determinare uno degli elementi di cui all'articolo 18 A, paragrafo 1, terzo comma, e decidere la cessazione o la continuazione di tale struttura di sostegno in conformità dell'articolo 18 A, paragrafi 1 e 8;

(h) modificare la politica dei prezzi e le linee guida sui prezzi per l'assistenza finanziaria o la struttura di supporto per l'SRF, conformemente all'articolo 20;
(i) modificare l'elenco degli strumenti di assistenza finanziaria che possono essere utilizzati dal MES, conformemente all'articolo 19;
(j) stabilire le modalità del trasferimento del sostegno dell'EFSF al MES, conformemente all'articolo 40;
(k) approvare la domanda di adesione al MES da parte di nuovi membri, di cui all'articolo 44;
(l) apportare adattamenti al presente Trattato come conseguenza diretta dell'adesione di nuovi membri, comprese le modifiche da apportare alla distribuzione del capitale tra i membri del MES e il calcolo di tale distribuzione come conseguenza diretta dell'adesione di un nuovo membro del MES, conformemente all'articolo 44; e
(m) delegare al Consiglio di Amministrazione i compiti elencati nel presente Articolo.
7. Il consiglio dei governatori decide a maggioranza qualificata delle seguenti decisioni:
(a) stabilire i termini tecnici dettagliati di adesione di un nuovo membro al MES, conformemente all'articolo 44;
(b) se essere presieduto dal Presidente dell'Eurogruppo o eleggere, a maggioranza qualificata, il Presidente e il Vicepresidente del Consiglio dei governatori, conformemente al paragrafo 2;

(c) di stabilire lo statuto del MES e il regolamento interno applicabile al Consiglio dei governatori e al Consiglio di amministrazione (incluso il diritto di istituire comitati e organi sussidiari), in conformità al paragrafo 9;
(d) determinare l'elenco delle attività incompatibili con le funzioni di un amministratore o di un supplente
Direttore, a norma dell'articolo 6, paragrafo 8;

(e) nominare e porre fine al mandato dell'Amministratore Delegato, ai sensi dell'articolo 7;
(f) costituire altri fondi, conformemente all'articolo 24;
g) sulle azioni da intraprendere per recuperare un debito da un membro del MES, conformemente all'articolo 25, paragrafi 2 e 3;
(h) approvare i conti annuali del MES, conformemente all'articolo 27, paragrafo 1;
(i) nominare i membri del Collegio Sindacale, ai sensi dell'articolo 30, paragrafo 1;
(j) approvare i revisori esterni, conformemente all'articolo 29;
(k) revocare l'immunità del presidente del consiglio di amministrazione, di un governatore, di un supplente, di un direttore, di un direttore supplente o dell'amministratore delegato, conformemente all'articolo 35, paragrafo 2;
(l) determinare il regime fiscale applicabile al personale del MES, conformemente all'articolo 36, paragrafo 5;
(m) in caso di controversia, conformemente all'articolo 37, paragrafo 2; e
(n) qualsiasi altra decisione necessaria non esplicitamente prevista dal presente trattato.

8. Il presidente convoca e presiede le riunioni del consiglio dei governatori . Il vicepresidente presiede tali riunioni quando il presidente non è in grado di partecipare.
9. Il consiglio dei governatori adotta il proprio regolamento interno e lo statuto del MES.


ARTICOLO 6

Consiglio di Amministrazione

1. Ciascun governatore nomina un direttore e un direttore supplente tra persone di elevata competenza in materia economica e finanziaria. Tali nomine possono essere revocabili in qualsiasi momento. Gli amministratori supplenti hanno pieno potere di agire per conto dell'amministratore quando quest'ultimo non è presente.
2. Il membro della Commissione europea responsabile degli affari economici e monetari e il presidente della BCE possono nominare un osservatore ciascuno.
3. I rappresentanti degli Stati membri non appartenenti all'area dell'euro che partecipano su base ad hoc a fianco del MES a un'operazione di assistenza finanziaria per uno Stato membro dell'area dell'euro sono inoltre invitati a partecipare, in qualità di osservatori, alle riunioni del consiglio di amministrazione quando sarà discussa l'assistenza finanziaria e il suo monitoraggio. I rappresentanti degli Stati membri partecipanti che partecipano a fianco del MES ai finanziamenti di supporto per l'SRF sono inoltre invitati a partecipare, in qualità di osservatori, alle riunioni del consiglio di amministrazione quando saranno discusse questioni relative al supporto comune.
4. Altre persone, compresi i rappresentanti di istituzioni o organizzazioni, possono essere invitate dal Consiglio di amministrazione a partecipare alle riunioni in qualità di osservatori su una base ad hoc.
5. Il consiglio di amministrazione prende le decisioni a maggioranza qualificata, salvo diversa disposizione del presente trattato. Le decisioni da prendere sulla base dei poteri delegati dal consiglio dei governatori sono adottate secondo le pertinenti norme di voto stabilite all'articolo 5, paragrafi 6 e 7.
6. Fatti salvi i poteri del consiglio di amministrazione di cui all'articolo 5, il consiglio di amministrazione assicura che il MES sia gestito conformemente al presente trattato e allo statuto del MES adottato dal consiglio di amministrazione. Prende le decisioni previste dal presente trattato o che gli sono delegate dal consiglio dei governatori.

7. Eventuali posti vacanti nel Consiglio di amministrazione devono essere immediatamente colmati conformemente al paragrafo 1.
8. Il consiglio dei governatori stabilisce le attività incompatibili con le funzioni di un direttore o di un direttore supplente, lo statuto del MES e il regolamento interno del consiglio di amministrazione.


ARTICOLO 7

Consigliere delegato

1. L'amministratore delegato è nominato dal consiglio di amministrazione tra candidati aventi la nazionalità di membro del MES, esperienza internazionale pertinente e un elevato livello di competenza in materia economica e finanziaria. Durante la carica, l'amministratore delegato non può essere un governatore o un direttore o un sostituto di nessuno dei due.
2. Il mandato dell'amministratore delegato è di cinque anni. Lui o lei può essere rieletto una volta. L'amministratore delegato, tuttavia, cessa di rimanere in carica quando il consiglio dei governatori lo decide.
3. L'amministratore delegato presiede le riunioni del consiglio di amministrazione e partecipa alle riunioni del consiglio di amministrazione.
4. L'amministratore delegato è il capo del personale del MES. È responsabile dell'organizzazione, della nomina e del licenziamento del personale secondo le norme del personale che saranno adottate dal Consiglio di amministrazione. L'amministratore delegato e il personale del MES sono responsabili solo del MES e sono completamente indipendenti nell'esercizio delle loro funzioni.
5. L'amministratore delegato è il rappresentante legale del MES e conduce, sotto la direzione del consiglio di amministrazione, le attività correnti del MES.

 

CAPITOLO 3

CAPITALE

 

ARTICOLO 8

Capitale autorizzato

1. Lo stock di capitale autorizzato è pari a 704 798,7 milioni di EUR. È suddiviso in sette milioni quarantasettemilanovecentottantasette azioni, del valore nominale di 100 000 EUR ciascuna, che saranno disponibili per la sottoscrizione relativa alla base di contribuzione iniziale di cui all'articolo 11 e calcolata nell'allegato IO.
2. Lo stock di capitale autorizzato è suddiviso in azioni versate e azioni richiamabili. Il valore nominale complessivo totale iniziale delle azioni versate è pari a 80 548,4 milioni di EUR. Le azioni di capitale autorizzato inizialmente sottoscritte saranno emesse alla pari. Altre azioni saranno emesse alla pari, a meno che il Consiglio dei governatori non decida di emetterle in circostanze speciali ad altre condizioni.
3. Le azioni di capitale autorizzato non possono essere gravate o impegnate in alcun modo e non sono trasferibili, ad eccezione dei trasferimenti ai fini dell'attuazione degli adeguamenti della base di contribuzione di cui all'articolo 11 nella misura necessaria a garantire che la distribuzione delle azioni corrisponde alla base corretta.
4. I membri del MES si impegnano irrevocabilmente e incondizionatamente a fornire il loro contributo allo stock di capitale autorizzato, conformemente alla loro base di contributo di cui all'allegato I. Essi devono soddisfare tutte le richieste di capitale in modo tempestivo conformemente alle condizioni stabilite nel presente trattato.
5. La responsabilità di ciascun membro ESM è limitata, in ogni caso, alla sua parte del capitale autorizzato al suo prezzo di emissione. Nessun membro del MES è responsabile, a causa della sua adesione, per gli obblighi del MES. Gli obblighi dei membri del MES di contribuire allo stock di capitale autorizzato ai sensi del presente trattato non sono interessati se uno qualsiasi di tali membri del MES diventa ammissibile o riceve assistenza finanziaria dal MES.


ARTICOLO 9

Capital call

1. Il consiglio dei governatori può convocare il capitale non pagato autorizzato in qualsiasi momento e fissare un periodo di tempo adeguato per il suo pagamento da parte dei membri del MES.
2. Il consiglio di amministrazione può richiedere capitale non versato autorizzato a maggioranza semplice per ripristinare il livello del capitale versato se l'importo di quest'ultimo è ridotto dall'assorbimento delle perdite al di sotto del livello stabilito all'articolo 8, paragrafo 2, come può essere modificato dal consiglio dei governatori secondo la procedura di cui all'articolo 10 e fissare un termine adeguato per il suo pagamento da parte dei membri del MES.
3. L'amministratore delegato chiama il capitale non pagato autorizzato in modo tempestivo, se necessario, per evitare che l'ESM sia inadempiente rispetto a qualsiasi obbligo di pagamento programmato o di altro tipo dovuto ai creditori dell'ESM. L'amministratore delegato informa il consiglio di amministrazione e il consiglio di amministrazione di tali convocazioni. Quando viene individuata una potenziale carenza di fondi del MES, l'amministratore delegato deve effettuare quanto prima tali richieste di capitale al fine di garantire che il MES disponga di fondi sufficienti per far fronte ai pagamenti dovuti interamente dai creditori alla loro scadenza. Con la presente i membri del MES si impegnano irrevocabilmente e incondizionatamente a pagare su richiesta qualsiasi domanda di capitale fatta loro dall'amministratore delegato ai sensi del presente paragrafo, tale richiesta deve essere pagata entro sette giorni dal ricevimento.
4. Il consiglio di amministrazione adotta i termini e le condizioni dettagliati che si applicano alle richieste di capitale ai sensi del presente articolo.


ARTICOLO 10

Variazioni dello stock di capitale autorizzato

1. Il consiglio dei governatori verifica periodicamente e almeno ogni cinque anni il volume massimo dei prestiti e l'adeguatezza dello stock di capitale autorizzato del MES. Può decidere di modificare lo stock di capitale autorizzato e di modificare di conseguenza l'articolo 8 e l'allegato II. Tale decisione entra in vigore dopo che i membri del MES hanno notificato al depositario l'espletamento delle rispettive procedure nazionali applicabili. Le nuove quote sono assegnate ai membri del MES in base alla base di contribuzione di cui all'articolo 11 e all'allegato I.
2. Il consiglio di amministrazione adotta i termini e le condizioni dettagliati che si applicano a tutte o a eventuali variazioni di capitale apportate ai sensi del paragrafo 1.
3. Quando uno Stato membro dell'Unione europea diventa un nuovo membro del MES, lo stock di capitale autorizzato del MES viene automaticamente aumentato moltiplicando i rispettivi importi quindi prevalenti per il rapporto, all'interno della base contributiva adeguata di cui all'articolo 11, tra la ponderazione del nuovo membro ESM e la ponderazione degli attuali membri ESM.


ARTICOLO 11

Base di contributo

1. La base di contribuzione per la sottoscrizione dello stock di capitale autorizzato del MES si basa, ai sensi dei paragrafi 2 e 3, sulla base di sottoscrizione, da parte delle banche centrali nazionali dei membri del MES, del capitale della BCE ai sensi dell'articolo 29 del protocollo (n. 4) sullo statuto del Sistema europeo di banche centrali e della Banca centrale europea (lo "Statuto SEBC") allegato al trattato sull'Unione europea e al TFUE.
2. La base di contribuzione per la sottoscrizione dello stock di capitale autorizzato del MES è specificata nell'allegato I.
3. La base di contribuzione per la sottoscrizione dello stock di capitale autorizzato del MES è adeguata quando:
(a) uno Stato membro dell'Unione europea diventa un nuovo membro ESM e lo stock di capitale autorizzato dell'ESM aumenta automaticamente, come specificato all'articolo 10, paragrafo 3; o
(b) termina la correzione temporanea di dodici anni applicabile a un membro del MES istituito a norma dell'articolo 42.
4. Il consiglio dei governatori può decidere di tenere conto di eventuali aggiornamenti della base per la sottoscrizione del capitale della BCE di cui al paragrafo 1 quando la base di contribuzione viene adeguata in conformità al paragrafo 3 o in caso di variazione del capitale autorizzato scorta, come specificato all'articolo 10, paragrafo 1.

5. Quando la base di contribuzione per la sottoscrizione dello stock di capitale autorizzato del MES è adeguata, i membri del MES trasferiscono tra loro lo stock di capitale autorizzato nella misura necessaria a garantire che la distribuzione dello stock di capitale autorizzato corrisponda alla base modificata.
6. L'allegato I è modificato su decisione del consiglio dei governatori  in merito a qualsiasi adeguamento di cui al presente articolo.

7. Il consiglio di amministrazione adotta tutte le altre misure necessarie per l'applicazione del presente articolo.

 

CAPITOLO 4

OPERAZIONI

 

ARTICOLO 12

I principi

1. Se indispensabile per salvaguardare la stabilità finanziaria dell'area dell'euro nel suo insieme e dei suoi Stati membri, il MES può fornire sostegno alla stabilità a un membro del MES soggetto a rigorose condizioni, appropriate allo strumento di assistenza finanziaria scelto. Tale condizionalità può variare da un programma di aggiustamento macroeconomico al costante rispetto delle condizioni di ammissibilità prestabilite.
2. Il MES può fornire la struttura di supporto per l'SRF, fatti salvi il diritto dell'Unione europea e le competenze delle istituzioni e degli organi dell'Unione europea. I prestiti a titolo del meccanismo di supporto sono concessi solo come ultima risorsa e nella misura in cui sono fiscalmente neutrali a medio termine.
3. Fatto salvo l'articolo 19, il sostegno alla stabilità del MES può essere concesso mediante gli strumenti di cui agli articoli da 14 a 18.
4. Le clausole di azione collettiva sono incluse, a decorrere dal 1 ° gennaio 2013, in tutti i nuovi titoli di Stato dell'area dell'euro, con scadenza superiore a un anno, in modo da garantire che il loro impatto giuridico sia identico. Il voto aggregato per membro unico si applica a tutti i nuovi titoli di Stato dell'area dell'euro, con scadenza superiore a un anno, emessi a partire dal 1o gennaio 2022 o successiva
5. Nell'esercizio dei compiti che gli sono conferiti dal presente trattato, la Commissione europea garantirà che le operazioni di assistenza finanziaria fornite dal MES ai sensi del presente trattato siano, ove pertinenti, coerenti con il diritto dell'Unione europea, in particolare con le misure di coordinamento delle politiche economiche previste per nel TFUE.


ARTICOLO 13

Procedura per la concessione del sostegno alla stabilità

1. Un membro del MES può presentare una richiesta di sostegno alla stabilità al presidente del consiglio dei governatori. Tale richiesta deve indicare gli strumenti di assistenza finanziaria da prendere in considerazione. Alla ricezione di tale richiesta, sia i) l'amministratore delegato sia ii) la Commissione europea, in collegamento con la BCE, sono incaricati dal presidente del consiglio dei governatori di assolvere insieme i seguenti compiti:
(a) valutare l'esistenza di un rischio per la stabilità finanziaria dell'area dell'euro nel suo insieme o dei suoi Stati membri, a meno che la BCE non abbia già presentato un'analisi ai sensi dell'articolo 18, paragrafo 2;
(b) valutare se il debito pubblico è sostenibile e se il sostegno alla stabilità può essere rimborsato. Tale valutazione deve essere condotta in modo trasparente e prevedibile, pur consentendo un margine di giudizio sufficiente. Ove appropriato e possibile, si prevede che tale valutazione sia condotta insieme al FMI;
(c) valutare le effettive o potenziali esigenze di finanziamento del membro ESM interessato.
2. Sulla base della richiesta del membro del MES e delle valutazioni di cui al paragrafo 1, una proposta dell'amministratore delegato basata su tali valutazioni e, se del caso, le valutazioni positive di cui all'articolo 14, paragrafi 1 e 2), il consiglio dei governatori può decidere di concedere, in linea di principio, sostegno alla stabilità al membro del MES interessato sotto forma di un meccanismo di assistenza finanziaria.

3. Se viene adottata una decisione ai sensi del paragrafo 2 diversa da quella relativa a una linea di credito precauzionale condizionata, il consiglio dei governatori affida i) l'amministratore delegato e ii) la Commissione europea in collegamento con la BCE, insieme e, ove possibile, , anche in collaborazione con l'FMI, con il compito di negoziare, con il membro ESM interessato, un protocollo d'intesa (un "protocollo d'intesa") che specifichi la condizionalità allegata al meccanismo di assistenza finanziaria. Il contenuto del protocollo d'intesa deve riflettere la gravità delle carenze da affrontare e lo strumento di assistenza finanziaria scelto. L'amministratore delegato prepara una proposta per un accordo sulla struttura di assistenza finanziaria, compresi i termini e le condizioni finanziarie e la scelta degli strumenti, che deve essere adottato dal consiglio dei governatori.
Il protocollo d'intesa deve essere pienamente coerente con le misure di coordinamento delle politiche economiche previste dal TFUE, in particolare con qualsiasi atto del diritto dell'Unione europea, compresi eventuali pareri, avvertenze, raccomandazioni o decisioni indirizzate al membro ESM interessato.
4. Il protocollo d'intesa è firmato a nome del MES dalla Commissione europea e dall'amministratore delegato, previo rispetto delle condizioni di cui al paragrafo 3 e approvazione da parte del consiglio dei governatori.
5. Il consiglio di amministrazione approva l'accordo sulla struttura di assistenza finanziaria che specifica in dettaglio gli aspetti finanziari del sostegno alla stabilità da concedere e, se del caso, l'erogazione della prima rata dell'assistenza.
6. Il MES istituisce un sistema di allarme adeguato per garantire che riceva i rimborsi dovuti dal membro del MES nell'ambito del sostegno alla stabilità in modo tempestivo.
7. Sia i) l'amministratore delegato sia ii) la Commissione europea, in collegamento con la BCE, insieme e, ove possibile, anche insieme all'FMI, sono incaricati di monitorare il rispetto delle condizioni connesse al meccanismo di assistenza finanziaria.
8. Oggetto previa approvazione del consiglio di amministrazione di comune accordo, il MES può stipulare un protocollo di cooperazione con la Commissione europea che descriva in dettaglio la cooperazione tra l'amministratore delegato e la Commissione europea nello svolgimento dei compiti loro affidati a norma dei paragrafi 1, 3 e 7, di cui all'articolo 3, paragrafo 1.


ARTICOLO 14

Assistenza finanziaria precauzionale ESM

1. Gli strumenti precauzionali di assistenza finanziaria del MES forniscono sostegno ai membri del MES con solide basi economiche che potrebbero essere colpite da uno shock avverso al di fuori del loro controllo. Il consiglio dei governatori può decidere di concedere assistenza finanziaria precauzionale a un membro del MES il cui debito pubblico è sostenibile sotto forma di una linea di credito precauzionale condizionata o sotto forma di una linea di credito a condizioni rafforzate a norma dell'articolo 12, paragrafo 1, fatto salvo il soddisfacimento dei criteri di ammissibilità da applicare per ciascun tipo di assistenza di cui all'allegato III.
Il consiglio dei governatori può decidere di modificare i criteri di ammissibilità per l'assistenza finanziaria precauzionale del MES e di modificare l'allegato III di conseguenza. Tale modifica entra in vigore dopo che i membri del MES hanno notificato al depositario l'espletamento delle rispettive procedure nazionali applicabili.
2. La condizionalità associata a una linea di credito precauzionale condizionata consiste nel costante rispetto dei criteri di ammissibilità di cui all'allegato III a cui il membro ESM interessato si impegna nella sua richiesta firmata a norma dell'articolo 13, paragrafo 1, evidenziando le sue principali intenzioni politiche "Lettera di intenti"). Alla ricezione di tale lettera di intenti, il presidente del consiglio dei governatori affida alla Commissione europea il compito di valutare se le intenzioni politiche contenute nella lettera di intenti sono pienamente coerenti con le misure di coordinamento delle politiche economiche previste dalla TFUE, in particolare con qualsiasi atto del diritto dell'Unione europea, compresi pareri, avvertenze, raccomandazioni o decisioni indirizzate al membro ESM interessato. In deroga all'articolo 13, paragrafo 3 e all'articolo 13, paragrafo 4, non è possibile negoziare alcun protocollo d'intesa.
3. La condizionalità associata a una linea di credito a condizioni migliorate è dettagliata nel protocollo d'intesa, in conformità dell'articolo 13, paragrafo 3, ed è coerente con i criteri di ammissibilità di cui all'allegato III.
4. I termini e le condizioni finanziarie dell'assistenza finanziaria precauzionale del MES sono specificati in un accordo di assistenza finanziaria precauzionale, che deve essere firmato dall'amministratore delegato.

5. Il consiglio di amministrazione adotta gli orientamenti dettagliati sulle modalità di attuazione dell'assistenza finanziaria precauzionale del MES.
6. Il consiglio di amministrazione esamina periodicamente, almeno ogni sei mesi o dopo che il membro ESM ha prelevato fondi per la prima volta (tramite un prestito o un acquisto sul mercato primario), una relazione ai sensi dell'articolo 13, paragrafo 7. Per una linea di credito precauzionale condizionata, la relazione verifica il costante rispetto dei criteri di ammissibilità di cui al paragrafo 2, mentre per una linea di credito a condizioni migliorate la relazione verifica la conformità alle condizioni politiche dettagliate nel protocollo d'intesa. Nel caso in cui la relazione concluda che il Membro ESM continua a rispettare i criteri di ammissibilità per la linea di credito condizionata precauzionale o a conformarsi alla condizionalità allegata alla linea di credito a condizioni rafforzate, la linea di credito deve essere mantenuta a meno che l'Amministratore Delegato o qualsiasi Amministratore non richiedano una decisione del consiglio di amministrazione di comune accordo sull'opportunità di mantenere la linea di credito.
7. Se la relazione di cui al paragrafo 6 conclude che il membro ESM non rispetta più i criteri di ammissibilità per la linea di credito condizionata precauzionale o rispetta la condizionalità allegata alla linea di credito a condizioni rafforzate, l'accesso alla linea di credito è interrotto, a meno che il consiglio di amministrazione decide di comune accordo di mantenere la linea di credito. Se il Membro ESM ha già prelevato fondi in precedenza, si applicherà un margine aggiuntivo in linea con le linee guida sui prezzi che il Consiglio dei governatori dovrà adottare ai sensi dell'articolo 20, paragrafo 2, a meno che il Consiglio di amministrazione non valuti sulla base della relazione che - la conformità è dovuta ad eventi al di fuori del controllo del Membro ESM. Se la linea di credito non viene mantenuta, può essere richiesta e concessa un'altra forma di assistenza finanziaria conformemente alle norme applicabili ai sensi del presente Trattato.


ARTICOLO 15

Assistenza finanziaria per la ricapitalizzazione delle istituzioni finanziarie di un membro del MES

1. Il consiglio dei governatori può decidere di concedere un aiuto finanziario mediante prestiti a un membro del MES allo scopo specifico di ricapitalizzare gli istituti finanziari di quel membro del MES.
2. La condizionalità attribuita all'assistenza finanziaria per la ricapitalizzazione degli istituti finanziari di un membro del MES è specificata nel protocollo d'intesa, conformemente all'articolo 13, paragrafo 3.
3. Fatti salvi gli articoli 107 e 108 del TFUE, i termini e le condizioni finanziari dell'assistenza finanziaria per la ricapitalizzazione degli istituti finanziari di un membro del MES sono specificati in un accordo di assistenza finanziaria, che deve essere firmato dall'amministratore delegato.
4. Il consiglio di amministrazione adotta gli orientamenti dettagliati sulle modalità di attuazione dell'assistenza finanziaria per la ricapitalizzazione degli istituti finanziari di un membro del MES.
5. Laddove applicabile, il consiglio di amministrazione decide di comune accordo, su proposta dell'amministratore delegato e dopo aver ricevuto una relazione dall'amministratore delegato e dalla Commissione europea a norma dell'articolo 13, paragrafo 7, l'erogazione delle quote dell'assistenza finanziaria successiva alla prima tranche.


ARTICOLO 16

Prestiti ESM

1. Il consiglio dei governatori può decidere di concedere un aiuto finanziario sotto forma di prestito a un membro del MES, conformemente all'articolo 12.
2. La condizionalità allegata ai prestiti del MES è contenuta in un programma di aggiustamento macroeconomico dettagliato nel protocollo d'intesa, in conformità dell'articolo 13, paragrafo 3.
3. I termini e le condizioni finanziarie di ciascun prestito del MES sono specificati in un accordo di facilitazione finanziaria, che deve essere firmato dall'amministratore delegato.
4. Il consiglio di amministrazione adotta le linee guida dettagliate sulle modalità di esecuzione dei prestiti del MES.
5. Il consiglio di amministrazione decide di comune accordo, su proposta dell'amministratore delegato e dopo aver ricevuto una relazione dall'amministratore delegato e dalla Commissione europea a norma dell'articolo 13, paragrafo 7, l'erogazione delle tranche del assistenza successiva alla prima tranche.


ARTICOLO 17

Strumento di supporto del mercato primario

1. Il consiglio dei governatori può decidere di provvedere all'acquisto di obbligazioni di un membro del MES sul mercato primario, in conformità dell'articolo 12 e con l'obiettivo di massimizzare l'efficienza in termini di costi dell'assistenza finanziaria.
2. La condizionalità attribuita al meccanismo di sostegno del mercato primario è specificata nel protocollo d'intesa, conformemente all'articolo 13, paragrafo 3.
3. I termini e le condizioni finanziari in base ai quali viene effettuato l'acquisto di obbligazioni sono specificati in un accordo di facilitazione finanziaria, che deve essere firmato dall'amministratore delegato.
4. Il consiglio di amministrazione adotta le linee guida dettagliate sulle modalità di attuazione del meccanismo di sostegno del mercato primario.
5. Il consiglio di amministrazione decide di comune accordo, su proposta dell'amministratore delegato e dopo aver ricevuto una relazione dall'amministratore delegato e dalla Commissione europea a norma dell'articolo 13, paragrafo 7, l'erogazione dell'assistenza finanziaria a un beneficiario Stato membro attraverso operazioni sul mercato primario.


ARTICOLO 18

Strumento di supporto al mercato secondario

1. Il consiglio dei governatori può decidere di organizzare operazioni sul mercato secondario in relazione alle obbligazioni di un membro del MES in conformità dell'articolo 12, paragrafo 1.
2. Le decisioni sugli interventi sul mercato secondario per far fronte al contagio sono prese sulla base di un'analisi della BCE che riconosce l'esistenza di circostanze eccezionali del mercato finanziario e rischi per la stabilità finanziaria.
3. La condizionalità attribuita al meccanismo di sostegno del mercato secondario è specificata nel protocollo d'intesa, in conformità dell'articolo 13, paragrafo 3.
4. I termini e le condizioni finanziarie in base ai quali devono essere condotte le operazioni sul mercato secondario sono specificati in un accordo di un dispositivo di assistenza finanziaria, che deve essere firmato dall'amministratore delegato.
5. Il consiglio di amministrazione adotta gli orientamenti dettagliati sulle modalità di attuazione del meccanismo di sostegno del mercato secondario.
6. Il consiglio di amministrazione decide di comune accordo, su proposta dell'amministratore delegato, di avviare operazioni sul mercato secondario.


ARTICOLO 18A

Funzione di supporto

1. Sulla base di una richiesta di una struttura di sostegno da parte dell'SRB e di una proposta dell'amministratore delegato, il consiglio dei governatori può decidere di concedere una struttura di sostegno all'SRB che copra tutti i possibili usi dell'SRF come sancito dall'Unione europea legge, fatte salve adeguate garanzie.
I criteri per l'approvazione dei prestiti e degli esborsi nell'ambito della struttura di sostegno sono previsti nell'allegato IV. Il consiglio dei governatori può decidere di modificare i criteri per l'approvazione dei prestiti e delle erogazioni e di modificare l'allegato IV di conseguenza. Tale modifica entra in vigore dopo che i membri del MES hanno notificato al depositario l'espletamento delle rispettive procedure nazionali applicabili.
Il consiglio dei governatori determina i termini e le condizioni finanziarie a base della struttura di riserva, il limite nominale e qualsiasi adeguamento ad esso, disposizioni sulla procedura relativa alla verifica della conformità con la condizione di permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria e sul conseguenze per la struttura di supporto e il suo utilizzo, nonché le condizioni alle quali il consiglio dei governatori può decidere di chiudere la struttura di supporto e le condizioni e i termini entro i quali il consiglio dei governatori può decidere di continuare la struttura di supporto ai sensi del paragrafo 8.
2. L'impianto di supporto assume la forma di una linea di credito rotativa in base alla quale è possibile erogare prestiti.
3. I termini e le condizioni finanziarie dettagliati della struttura di supporto sono specificati in un accordo di struttura di supporto con l'SRB, che deve essere approvato dal Consiglio di amministrazione di comune accordo e firmato dall'amministratore delegato.
4. Il consiglio di amministrazione adotta e rivede periodicamente le linee guida dettagliate sull'argomento modalità di attuazione della struttura di supporto, comprese le procedure che garantiscono una rapida adozione delle decisioni di cui al paragrafo 5.

5. Sulla base di una richiesta di prestito dell'SRB, contenente tutte le informazioni pertinenti nel rispetto dei requisiti di riservatezza del diritto dell'Unione europea, una proposta dell'amministratore delegato e una valutazione della capacità di rimborso dell'SRB e, se del caso, le valutazioni di la Commissione europea e la BCE ai sensi del paragrafo 6, il consiglio di amministrazione decide di comune accordo, guidato dai criteri di cui all'allegato IV, sui prestiti e sui relativi esborsi nell'ambito della struttura di sostegno. Il consiglio di amministrazione può decidere di comune accordo di delegare all'amministratore delegato il compito previsto nel presente paragrafo per un periodo di tempo e un importo specifici, in linea con le regole specificate negli orientamenti adottati dal consiglio di amministrazione.
6. In deroga all'articolo 4, paragrafo 3, si utilizza una procedura di voto di emergenza qualora la Commissione europea e la BCE concludano in valutazioni separate che la mancata adozione urgente di una decisione del Consiglio di amministrazione in merito ai prestiti e alle rispettive erogazioni ai sensi lo strumento di sostegno di cui al paragrafo 5, frase 1, minaccerebbe la sostenibilità economica e finanziaria dell'area dell'euro. L'adozione di tale decisione di comune accordo nell'ambito di tale procedura di emergenza richiede una maggioranza qualificata dell'85% dei voti espressi. Il presente paragrafo non si applica, se e per tutto il tempo in cui sono in corso procedure relative alla permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria ai sensi del paragrafo 8 e delle relative disposizioni degli orientamenti che devono essere adottati dal Consiglio di amministrazione.
Laddove viene utilizzata la procedura di emergenza di cui al primo comma, viene effettuato un trasferimento a un fondo di riserva di emergenza al fine di costituire una riserva dedicata a copertura dei rischi derivanti dai prestiti e dai relativi esborsi approvati nell'ambito di tale procedura di emergenza. Il Consiglio di amministrazione può decidere di comune accordo di annullare il fondo di riserva di emergenza e di trasferirne il contenuto al fondo di riserva e / o al capitale versato.
Dopo due casi di utilizzo di questa procedura di voto di emergenza, l'applicazione del primo comma è sospesa fino a quando il consiglio dei governatori decide di annullare tale sospensione. Il consiglio dei governatori, quando decide di annullare tale sospensione, rivede la maggioranza di voto richiesta per l'adozione di una decisione nell'ambito di detta procedura, stabilisce le circostanze in cui si dovrà svolgere una revisione in futuro e può decidere di modificare il presente paragrafo di conseguenza, senza abbassare la soglia di voto. Tale modifica entra in vigore dopo che i membri del MES hanno notificato al depositario l'espletamento delle rispettive procedure nazionali applicabili.

7. Il MES istituisce un sistema di allarme adeguato per garantire la ricezione tempestiva dei rimborsi dovuti nell'ambito della struttura di supporto.
8. La struttura di supporto e il suo utilizzo ai sensi del presente articolo sono subordinati al rispetto della condizione di permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria. Laddove non siano rispettate le condizioni per la permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria, sarà avviata una revisione completa e sarà richiesta una decisione del Consiglio dei governatori per continuare la struttura di supporto. Ulteriori disposizioni sulla procedura relativa alla verifica della conformità con la condizione di permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria e sulle conseguenze per la struttura di supporto e il suo utilizzo sono stabilite dal Consiglio dei governatori a norma del paragrafo 1.
9. Ai fini del paragrafo 8, la permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria consiste in:
a) la permanenza, come definita all'articolo 9, paragrafo 1, dell'accordo intergovernativo del 21 maggio 2014 sul trasferimento e la mutualizzazione dei contributi al Fondo di risoluzione unico ("IGA"), delle norme definite all'articolo 9, paragrafo 1 IGA; e
(b) la permanenza dei principi e delle norme relative allo strumento del bail-in e al quadro relativo ai requisiti minimi di fondi propri e passività ammissibili stabiliti in BRRD, il regolamento SRM e il regolamento (UE) n. 575/2013 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 26 giugno 2013, relativo ai requisiti prudenziali per gli enti creditizi e le imprese di investimento e che modifica il regolamento (UE) n. 648/2012, nella misura in cui tali principi e norme sono pertinenti per preservare i mezzi finanziari dell'SRF.
10. Nell'attuare il presente articolo, il MES collabora strettamente con gli Stati membri partecipanti che partecipano a fianco del MES nel finanziamento di riserva dell'SRF.


ARTICOLO 19

Revisione e modifica dell'elenco degli strumenti di assistenza finanziaria

Il consiglio dei governatori può rivedere l'elenco degli strumenti di assistenza finanziaria di cui agli articoli da 14 a 18 e decidere di modificarlo.


ARTICOLO 20

Politica dei prezzi

1. Nel concedere un sostegno alla stabilità o finanziamenti di supporto per l'SRF, il MES mira a coprire integralmente i suoi costi di finanziamento e operativi e include un margine adeguato.
2. Per tutti gli strumenti di assistenza finanziaria e il finanziamento di supporto per l'SRF, i prezzi sono dettagliati in una linea guida sui prezzi, che sarà adottata dal Consiglio dei governatori.
3. La politica dei prezzi può essere rivista dal Consiglio dei governatori.


ARTICOLO 21

Operazioni di prestito

1. Il MES è autorizzato a contrarre prestiti sui mercati dei capitali da banche, istituzioni finanziarie o altre persone o istituzioni per l'adempimento dei suoi scopi.
2. Le modalità delle operazioni di assunzione di prestiti sono determinate dall'amministratore delegato, conformemente alle linee guida dettagliate che devono essere adottate dal consiglio di amministrazione.
3. Il MES utilizza adeguati strumenti di gestione dei rischi, che sono periodicamente riesaminati dal Consiglio di amministrazione.

 

CAPITOLO 5

GESTIONE FINANZIARIA

 

ARTICOLO 22

Politica di investimento

1. L'amministratore delegato applica una politica di investimento prudente per il MES, in modo da garantirne il massimo merito creditizio, conformemente alle linee guida che saranno adottate e riviste periodicamente dal consiglio di amministrazione. Il MES ha il diritto di utilizzare parte del rendimento del proprio portafoglio di investimenti per coprire i costi operativi e amministrativi.
2. Le operazioni del MES sono conformi ai principi di sana gestione finanziaria e dei rischi.


ARTICOLO 23

Politica dei dividendi

1. Il Consiglio di amministrazione può decidere, a maggioranza semplice, di distribuire un dividendo ai membri del MES qualora l'importo del capitale versato e il fondo di riserva eccedano il livello richiesto al MES per mantenere la sua capacità di prestito e qualora i proventi degli investimenti non sono necessari a evitare una carenza di pagamento ai creditori. I dividendi sono distribuiti proporzionalmente ai contributi al capitale versato, tenendo conto della possibile accelerazione di cui all'articolo 41, paragrafo 3.
2. Finché il MES non ha fornito assistenza finanziaria a uno dei suoi membri, i proventi dell'investimento del capitale versato del MES sono restituiti ai membri del MES in base ai rispettivi contributi al capitale versato, dopo detrazioni per i costi operativi, a condizione che la capacità di prestito effettiva mirata sia pienamente disponibile.
3. L'amministratore delegato applica la politica dei dividendi per il MES conformemente agli orientamenti che devono essere adottati dal consiglio di amministrazione.


ARTICOLO 24

Riserva e altri fondi

1. Il consiglio dei governatori istituisce un fondo di riserva e, se del caso, altri fondi.
2. Fatto salvo l'articolo 23, le entrate nette generate dalle operazioni del MES e i proventi delle sanzioni finanziarie ricevute dai membri del MES nell'ambito della procedura di sorveglianza multilaterale, della procedura per i disavanzi eccessivi e della procedura per gli squilibri macroeconomici istituita dal TFUE essere messo da parte in un fondo di riserva.
3. Le risorse del fondo di riserva sono investite secondo le linee guida che saranno adottate dal Consiglio di amministrazione.
4. Il consiglio di amministrazione adotta le norme che possono essere richieste per la costituzione, l'amministrazione e l'uso di altri fondi.


ARTICOLO 25

Copertura delle perdite

1. Le perdite derivanti dalle operazioni del MES sono addebitate:
(a) in primo luogo, nei confronti del fondo di riserva;
(b) in secondo luogo, contro il capitale versato; e
(c) infine, a fronte di un importo adeguato del capitale non pagato autorizzato, che sarà chiamato in conformità dell'articolo 9, paragrafo 3.
2. Se un Membro ESM non riesce a soddisfare il pagamento richiesto a titolo di una richiesta di capitale effettuata ai sensi dell'articolo 9, paragrafi 2 o 3, una richiesta di capitale maggiorata rivista deve essere effettuata a tutti i Membri del MES al fine di garantire che il MES riceva l'importo totale del capitale versato necessario. Il consiglio dei governatori decide un piano d'azione adeguato per garantire che il membro ESM interessato estingua il proprio debito nei confronti del MES entro un ragionevole periodo di tempo. Il consiglio dei governatori ha il diritto di richiedere il pagamento di interessi di mora sull'importo scaduto.
3. Quando un membro ESM regola il proprio debito nei confronti del MES, di cui al paragrafo 2, il capitale in eccesso è restituito agli altri membri ESM conformemente alle norme che devono essere adottate dal consiglio dei governatori.


ARTICOLO 26

Bilancio

Il consiglio di amministrazione approva annualmente il bilancio del MES.


ARTICOLO 27

Conti annuali

1. Il consiglio dei governatori approva i conti annuali del MES.
2. Il MES pubblica una relazione annuale contenente un estratto conto dei suoi conti e trasmette ai membri del MES un rendiconto sintetico trimestrale della sua posizione finanziaria e un conto profitti e perdite che mostra i risultati delle sue operazioni.


ARTICOLO 28

Audit interna

È istituita una funzione di audit interno secondo gli standard internazionali.


ARTICOLO 29

Audit esterna

I conti del MES sono controllati da revisori esterni indipendenti approvati dal consiglio dei governatori e responsabili della certificazione dei rendiconti finanziari annuali. I revisori esterni hanno il pieno potere di esaminare tutti i libri e i conti del MES e ottenere informazioni complete sulle sue transazioni.


ARTICOLO 30

Collegio Sindacale

1. Il collegio dei revisori dei conti è composto da cinque membri nominati dal consiglio dei governatori per la loro competenza in materia di revisione contabile e questioni finanziarie e comprende due membri delle istituzioni supreme di revisione contabile dei membri del MES - con una rotazione tra questi - e uno dei membri la Corte dei conti europea.
2. I membri del Collegio dei Revisori sono indipendenti. Non chiedono né accettano istruzioni dagli organi di governo del MES, dai membri del MES o da qualsiasi altro ente pubblico o privato.
3. Il Collegio dei revisori redige audit indipendenti. Ispeziona i conti del MES e verifica che i conti operativi e il bilancio siano in regola. Deve avere pieno accesso a tutti i documenti del MES necessari per l'esecuzione dei suoi compiti.
4. Il Collegio Sindacale può informare il Consiglio di Amministrazione in qualsiasi momento delle sue conclusioni. Esso, su base annuale, elabora una relazione da presentare al consiglio dei governatori.
5. Il consiglio dei governatori rende accessibile la relazione annuale ai parlamenti nazionali e alle istituzioni supreme di audit dei membri del MES, alla Corte dei conti europea e al Parlamento europeo.
6. Qualsiasi questione relativa al presente articolo deve essere dettagliata nello statuto del MES.

 

CAPITOLO 6

DISPOSIZIONI GENERALI

 

ARTICOLO 31

Posizione

1. Il MES ha sede e sede principale in Lussemburgo.

2. Il MES può istituire un ufficio di collegamento a Bruxelles.


ARTICOLO 32

Status giuridico, privilegi e immunità

1. Per consentire al MES di adempiere al suo scopo, lo status giuridico, i privilegi e le immunità stabiliti nel presente articolo sono accordati al MES nel territorio di ciascun membro del MES. Il MES si adopera per ottenere il riconoscimento del suo status giuridico, dei suoi privilegi e immunità in altri territori in cui svolge funzioni o detiene attività.
2. Il MES ha piena personalità giuridica; deve avere la piena capacità giuridica di:
(a) acquisire e alienare beni mobili e immobili;
(b) contratto;
(c) essere parte in procedimenti legali; e
(d) stipulare un accordo di sede e / o protocolli necessari per garantire che il suo status legale, i suoi privilegi e le sue immunità siano riconosciuti e applicati.
3. Il MES, le sue proprietà, i suoi finanziamenti e i suoi beni, ovunque situati e da chiunque detengano, godono dell'immunità da ogni forma di processo giudiziario, tranne nella misura in cui il MES rinuncia espressamente alla sua immunità ai fini di qualsiasi procedimento o secondo i termini di qualsiasi contratto, compresa la documentazione degli strumenti di finanziamento.
4. I beni, i finanziamenti e le attività del MES sono, ovunque localizzati e da chiunque detenuti, immuni da ricerche, requisizioni, confische, espropri o qualsiasi altra forma di sequestro, assunzione o preclusione mediante azioni esecutive, giudiziarie, amministrative o legislative.
5. Gli archivi del MES e tutti i documenti appartenenti al MES o da esso detenuti sono inviolabili.
6. I locali del MES sono inviolabili.
7. Le comunicazioni ufficiali del MES sono accordate da ciascun membro del MES e da ciascuno Stato che ha riconosciuto lo status giuridico, i privilegi e le immunità del MES, lo stesso trattamento accordato alle comunicazioni ufficiali di un membro del MES.
8. Nella misura necessaria per svolgere le attività previste dal presente trattato, tutti i beni, i finanziamenti e le attività del MES sono esenti da restrizioni, regolamenti, controlli e moratorie di qualsiasi natura.
9. Il MES è esonerato da qualsiasi obbligo di autorizzazione o licenza in qualità di ente creditizio, fornitore di servizi di investimento o altra entità autorizzata o regolamentata ai sensi delle leggi di ciascun Membro ESM.


ARTICOLO 33

Personale dell'ESM

Il consiglio di amministrazione stabilisce le condizioni di assunzione dell'amministratore delegato e degli altri agenti del MES.


ARTICOLO 34

Segreto professionale

I membri o ex membri del consiglio di amministrazione e del consiglio di amministrazione e qualsiasi altra persona che lavori o abbia lavorato per o in connessione con il MES non devono divulgare informazioni soggette al segreto professionale. Essi sono tenuti, anche dopo la cessazione delle loro funzioni, a non divulgare informazioni del tipo coperto dall'obbligo del segreto professionale.


ARTICOLO 35

Immunità delle persone

1. Nell'interesse del MES, il presidente del consiglio dei governatori, i governatori, i governatori supplenti, i direttori, i direttori supplenti, nonché l'amministratore delegato e gli altri membri del personale sono immuni da procedimenti giudiziari in relazione agli atti da essi compiuti nella loro capacità ufficiale e godranno dell'inviolabilità rispetto ai loro documenti e documenti ufficiali.
2. Il consiglio dei governatori può revocare nella misura e alle condizioni che determina le immunità conferite ai sensi del presente articolo nei confronti del presidente del consiglio dei governatori, un governatore, un governatore supplente, un direttore, un direttore supplente o l'amministratore delegato.
3. L'amministratore delegato può revocare tale immunità nei confronti di qualsiasi membro del personale del MES diverso da se stesso.
4. Ciascun membro del MES prende prontamente le misure necessarie per attuare il presente articolo nei termini della propria legislazione e ne informa il MES.


ARTICOLO 36

Esenzione fiscale

1. Nell'ambito delle sue attività ufficiali, il MES, le sue attività, entrate, proprietà e le sue operazioni e transazioni autorizzate dal presente trattato sono esenti da tutte le imposte dirette.
2. I membri del MES adottano, ove possibile, le misure appropriate per rimettere o rimborsare l'importo delle imposte indirette o delle imposte sulle vendite incluse nel prezzo dei beni mobili o immobili qualora il MES effettui, per uso ufficiale, acquisti sostanziali, il prezzo di cui include tasse di questo tipo.
3. Non è concessa alcuna esenzione per le tasse e le quote che costituiscono semplicemente addebiti per servizi di pubblica utilità.
4. Le merci importate dal MES e necessarie per l'esercizio delle sue attività ufficiali sono esenti da tutti i dazi e le tasse all'importazione e da tutti i divieti e le restrizioni all'importazione.
5. Il personale del MES è soggetto a un'imposta interna a beneficio del MES su salari ed emolumenti pagati dal MES, fatte salve le norme che saranno adottate dal Consiglio dei governatori. A decorrere dalla data di applicazione di tale imposta, tali salari ed emolumenti sono esenti dall'imposta nazionale sul reddito.
6. Nessuna imposta di alcun tipo è riscossa su alcun obbligo o titolo emesso dal MES, inclusi gli interessi o i dividendi sugli stessi da parte di chiunque detenga:
(a) che discrimina tale obbligo o sicurezza unicamente a causa della sua origine; o
(b) se l'unica base giurisdizionale per tale tassazione è il luogo o la valuta in cui è emesso, reso pagabile o pagato, o l'ubicazione di qualsiasi ufficio o luogo di attività gestito dal MES.


ARTICOLO 37

Interpretazione e risoluzione delle controversie

1. Qualsiasi questione di interpretazione o applicazione delle disposizioni del presente Trattato e dello statuto del MES che sorgono tra i membri del MES e il MES o tra i membri del MES, è sottoposta al Consiglio di amministrazione per la sua decisione.
2. Il consiglio dei governatori decide in merito a qualsiasi controversia che dovesse insorgere tra un membro del MES e il MES o tra i membri del MES, in relazione all'interpretazione e all'applicazione del presente trattato, compresa qualsiasi controversia relativa alla compatibilità delle decisioni adottate dal MES con questo trattato. I voti dei membri del consiglio di amministrazione dei membri del MES interessati sono sospesi quando il consiglio di amministrazione vota su tale decisione e la soglia di voto necessaria per l'adozione di tale decisione è ricalcolata di conseguenza.
3. Se un membro del MES contesta la decisione di cui al paragrafo 2, la controversia è sottoposta alla Corte di giustizia dell'Unione europea. La sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea è vincolante per le parti nella procedura, che adotta le misure necessarie per conformarsi alla sentenza entro un termine che deve essere deciso da detta Corte.
4. Qualsiasi controversia tra i membri del MES relativa al rispetto della condizione di permanenza del quadro giuridico per la risoluzione bancaria di cui all'articolo 18 A può essere presentata direttamente alla Corte di giustizia dell'Unione europea in linea con la procedura da stabilire da parte del consiglio dei governatori a norma dell'articolo 18 bis, paragrafi 1 e 8. La sentenza della Corte di giustizia dell'Unione europea è vincolante per le parti nel procedimento; il MES agisce in conformità con tale giudizio.


ARTICOLO 38

Cooperazione internazionale

Il MES ha il diritto, a fini di promozione dei suoi scopi, di cooperare, ai sensi del presente trattato, con il FMI, qualsiasi Stato che fornisca assistenza finanziaria a un membro del MES su base ad hoc, qualsiasi Stato membro dell'Unione europea e qualsiasi organizzazione o entità internazionale che abbia responsabilità in settori correlati.

 

CAPITOLO 7

DISPOSIZIONI TRANSITORIE

 

ARTICOLO 39

Relazione con i prestiti EFSF

Durante la fase transitoria che abbraccia il periodo che va dall'entrata in vigore del presente trattato fino al completo declino dell'EFSF, i prestiti consolidati del MES e dell'EFSF non superano i 500 000 milioni di EUR, fatto salvo il controllo periodico dell'adeguatezza del volume massimo dei prestiti a norma dell'articolo 10. Il consiglio di amministrazione adotta orientamenti dettagliati sul calcolo della capacità di impegno a termine per garantire che il massimale dei prestiti consolidati non sia superato.


ARTICOLO 40

Trasferimento di supporti EFSF

1. In deroga all'articolo 13, il consiglio dei governatori può decidere che gli impegni del FESF di fornire assistenza finanziaria a un membro del MES in virtù del suo accordo con tale membro siano assunti dal MES nella misura in cui tali impegni si riferiscono a non finanziati e non finanziati parti di strutture di prestito.
2. Il MES può, se autorizzato dal proprio consiglio dei governatori, acquisire i diritti e assumere gli obblighi del FESF, in particolare per quanto riguarda tutti o parte dei suoi diritti e obblighi in essere ai sensi e relativi ai suoi prestiti esistenti.
3. Il consiglio dei governatori adotta le modalità dettagliate necessarie per attuare il trasferimento degli obblighi dal FESF al MES, di cui al paragrafo 1 e qualsiasi trasferimento di diritti e obbligazioni di cui al paragrafo 2.


ARTICOLO 41

Pagamento del capitale iniziale

1. Fatto salvo il paragrafo 2, il pagamento delle quote versate dell'importo inizialmente sottoscritto da ciascun membro del MES è effettuato in cinque rate annuali del 20% ciascuna dell'importo totale. La prima rata è versata da ciascun membro del MES entro quindici giorni dalla data di entrata in vigore del presente trattato. Le restanti quattro rate devono essere pagate ciascuna il primo, il secondo, il terzo e il quarto anniversario della data di pagamento della prima rata.
2. Durante il periodo quinquennale di pagamento in conto capitale a rate, i membri del MES accelerano il pagamento delle azioni versate, in modo tempestivo prima della data di emissione, al fine di mantenere un rapporto minimo del 15% tra il capitale versato e l'ammontare in sospeso delle emissioni del MES e garantire una capacità di prestito combinata minima del MES e del FESF di 500 000 milioni di EUR.
3. Un membro ESM può decidere di accelerare il pagamento della sua quota di capitale versato.


ARTICOLO 42

Correzione temporanea della base di contributo

1. All'inizio, i membri del MES sottoscrivono lo stock di capitale autorizzato in relazione alla base di contribuzione iniziale come specificato nell'allegato I. La correzione temporanea inclusa nella presente base di contribuzione iniziale si applica per un periodo di dodici anni dopo la data di adozione dell'euro da parte del membro ESM interessato.
2. Se il prodotto interno lordo (PIL) pro capite di un nuovo membro ESM a prezzi di mercato in euro nell'anno immediatamente precedente la sua adesione al MES è inferiore al 75% del PIL pro capite medio dell'Unione europea a prezzi di mercato, il suo contributo la base per la sottoscrizione dello stock di capitale autorizzato del MES, determinata conformemente all'articolo 10, beneficia di una correzione temporanea ed equivale alla somma di:
(a) il 25% della quota percentuale nel capitale della BCE della banca centrale nazionale di quel membro ESM, determinata conformemente all'articolo 29 dello statuto SEBC; e
b) il 75% della quota percentuale di tale membro ESM nel reddito nazionale lordo (RNL) ai prezzi di mercato in euro dell'area dell'euro nell'anno immediatamente precedente la sua adesione al MES.
Le percentuali di cui alle lettere a) eb) devono essere arrotondate per eccesso o per difetto al multiplo più vicino di 0,0001 punti percentuali. I termini statistici sono quelli pubblicati da Eurostat.
3. La correzione temporanea di cui al paragrafo 2 si applica per un periodo di dodici anni a decorrere dalla data di adozione dell'euro da parte del membro ESM interessato.
4. A seguito della correzione temporanea della base, la percentuale pertinente di azioni assegnate a un membro del MES ai sensi del paragrafo 2 è riassegnata tra i membri del MES che non beneficiano di una correzione temporanea sulla base della loro partecipazione nella BCE, determinato conformemente all'articolo 29 dello statuto SEBC, che sussiste immediatamente prima dell'emissione di azioni al membro ESM aderente.


ARTICOLO 43

Primi appuntamenti

1. Ciascun membro del MES nomina il proprio governatore e il suo supplente entro due settimane dall'entrata in vigore del presente trattato.
2. Il consiglio dei governatori nomina l'amministratore delegato e ciascun governatore nomina un direttore e un direttore supplente entro due mesi dall'entrata in vigore del presente trattato.

 

CAPITOLO 8

DISPOSIZIONI FINALI

 

ARTICOLO 44

Accessione

Il presente trattato è aperto all'adesione di altri Stati membri dell'Unione europea a norma dell'articolo 2 su domanda di adesione che tale Stato membro dell'Unione europea presenta al MES dopo l'adozione da parte del Consiglio dell'Unione europea del decisione di abrogare la sua deroga dall'adozione dell'euro in conformità dell'articolo 140, paragrafo 2, TFUE. Il consiglio dei governatori approva la domanda di adesione del nuovo membro del MES e i termini tecnici dettagliati ad esso relativi, nonché gli adattamenti da apportare al presente trattato come conseguenza diretta dell'adesione. A seguito dell'approvazione della domanda di adesione da parte del consiglio dei governatori, i nuovi membri del MES aderiscono al deposito degli strumenti di adesione presso il depositario, che ne informa gli altri membri del MES.


ARTICOLO 45

Allegati

I seguenti allegati al presente trattato ne costituiscono parte integrante:
1) Allegato I: base di contributo del MES; e
2) Allegato II: sottoscrizioni dello stock di capitale autorizzato;
3) Allegato III: criteri di ammissibilità per l'assistenza finanziaria precauzionale del MES; e
4) Allegato IV: Criteri per l'approvazione di prestiti ed esborsi nell'ambito della struttura di sostegno.


ARTICOLO 46

Deposito

Il presente trattato è depositato presso il segretariato generale del Consiglio dell'Unione europea ("il depositario"), che comunica copie certificate a tutti i firmatari.


ARTICOLO 47

Ratifica, approvazione o accettazione

1. Il presente trattato è soggetto a ratifica, approvazione o accettazione da parte dei firmatari. Gli strumenti di ratifica, approvazione o accettazione saranno depositati presso il Depositario.
2. Il depositario notifica agli altri firmatari ogni deposito e la relativa data.


ARTICOLO 48

Entrata in vigore

1. Il presente trattato entra in vigore alla data in cui gli strumenti di ratifica, approvazione o accettazione sono stati depositati dai firmatari le cui sottoscrizioni iniziali rappresentano non meno del 90% delle sottoscrizioni totali di cui all'allegato II. Se del caso, l'elenco dei membri del MES è adeguato; la base di cui all'allegato I viene quindi ricalcolata e lo stock di capitale autorizzato totale di cui all'articolo 8, paragrafo 1, e l'allegato II e il valore nominale complessivo totale iniziale delle azioni versate di cui all'articolo 8, paragrafo 2, sono ridotti di conseguenza.
2. Per ciascun firmatario che successivamente deposita il proprio strumento di ratifica, approvazione o accettazione, il presente trattato entra in vigore il giorno successivo alla data del deposito.
3. Per ciascuno Stato che aderisce al presente trattato in conformità dell'articolo 44, il presente trattato entra in vigore il ventesimo giorno successivo al deposito del suo strumento di adesione.

Fatto a Bruxelles, il secondo giorno di febbraio dell'anno duemiladodici in un unico originale, di cui olandese, inglese, estone, finlandese, francese, tedesco, greco, irlandese, italiano, maltese, portoghese, slovacco, sloveno, spagnolo e I testi svedesi sono ugualmente autentici, che devono essere depositati negli archivi del Depositario che trasmette una copia debitamente certificata a ciascuna delle Parti contraenti.

Al momento dell'adesione della Repubblica di Lettonia, il testo lettone sarà ugualmente autentico, che sarà depositato negli archivi del Depositario che trasmetterà una copia debitamente certificata a ciascuna delle Parti contraenti.

Al momento dell'adesione della Repubblica di Lituania, il testo lituano farà ugualmente fede, che sarà depositato negli archivi del Depositario che trasmetterà una copia debitamente certificata a ciascuna delle Parti contraenti.

 

ALLEGATI: 

D_20190614_da_Eurogroup_SALVASTATI(MES)_revised-esm-treaty-2.pdf


ATTENZIONE:
La traduzione è attualmente in revisione, l'articolo potrebbe contenere degli errori.


Pubblicato in data 08/12/2019

TORNA IN CIMA